Escursione Reggia di Caserta

Escursione Reggia di Caserta

Parti con noi in un’escursione alla Reggia di Caserta e del suo parco.
Due gioielli di ineguagliabile splendore, sono stati inseriti nella World Heritage List dell’Unesco nel 1997.Progettata nel Settecento da Luigi Vanvitelli, su incarico di Carlo III di Borbone, la Reggia, che rappresenta il trionfo del barocco italiano, è una delle opere più importanti del famoso architetto napoletano: il suo visitatore resta incantato dalla bellezza degli interni e dalle magnificenze dell’esterno.Curatissima nei dettagli ed articolata su quattro monumentali cortili, la costruzione è fronteggiata da uno scenografico parco oggi meta di migliaia di turisti.Il sontuoso palazzo è una fusione ideale e originale di altre due residenze reali: la Reggia di Versailles dei re di Francia e il madrileno Palazzo dell’Escorial, sede dei re di Spagna.

Dettaglio Escursione

Escursione privata e su richiesta.Si consiglia partenza alle 8:00 per far ritorno verso le 17.30.Costo su richiesta

Escursione Certosa di Padula e Grotte di Pertosa

By Escursioni Comments Off

Escursione Certosa di Padula ed alle Grotte di Pertosa

Grotte di Pertosa-Auletta

Le Grotte dell’Angelo A Pertosa si trovano nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Le Grotte dell’Angelo A Pertosa, vero fiore all’occhiello della speleologia in provincia di Salerno, sono le più importanti dell’Italia del sud.Infatti, la prima descrizione di una grotta in Campania, che risale addirittura al 1551, ad opera di un tale Leandro Aliberti, frate domenicano di Bologna, parla delle Grotte dell’Angelo A Pertosa in provincia di Salerno visibili quasi intatti ancora adesso.Ma l’origine delle Grotte è fatta risalire a circa 35 milioni di anni fa, che venivano utilizzati dagli uomini dell’età del Bronzo, e forse anche della Pietra, come rifugi dai pericoli esterni. I resti lignei delle loro antiche palafitte, grazie al clima particolare e al tasso di umidità all’interno delle Grotte, sono infatti giunti pressocchè intatti fino ai giorni nostri, e sono gli unici ritrovamenti, nella storia della speleologia in Campania, di cui si ha testimonianza, costruite all’interno di un sito come quello delle Grotte di Auletta/Pertosa.Utilizzate successivamente dai Greci e Romani come luogo per i loro rituali e le cerimonie sacre, in età medievale le grotte, dette anche Grotte dell’Angelo , in un primo momento diedero riparo ai cristiani che pregavano nelle grotte lontani dai pericoli, e poi furono successivamente vissute da monaci come luogo di culto.Le Grotte dell’Angelo, incuneate per circa 2500 metri sotto i Monti Alburni del Cilento, creano uno scenario speleologico unico al mondo: gallerie, immense caverne, “sale” naturali, scenari mozzafiato caratterizzati dalle imponenti conformazioni delle stalattiti e stalagmiti.Ma l’unicità delle Grotte dell’Angelo è non solo nella particolarità delle forme carsiche, ma soprattutto risiede nel fatto che per visitarle occorre percorrere un laghetto originato da un fiume sotterraneo. Una suggestiva traversata in barca, della lunghezza di duecento metri circa, porta i turisti direttamente nelle viscere dei monti del Cilento.

La Certosa di San Lorenzo (Padula)

La Certosa di San Lorenzo, maggiormente conosciuta come Certosa di Padula, è una meraviglia architettonica dichiarata nel 1998 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Si tratta della più grande certosa d’Italia e sorge nella cittadina di Padula, nel Vallo di Diano, in provincia di Salerno.Fondato da Tommaso Sanseverino nel 1306 il tempio, dedicato a San Lorenzo, ha una particolare struttura che ricorda l’immagine della graticola, simbolo del martirio del Santo. Il corpo principale dell’edificio conta ben 320 stanze e si presenta in stile Barocco. Qui è presente il più grande Chiostro d’Europa, racchiuso da 84 colonne.Sono tanti gli ambienti suggestivi e di grande fascino dove i monaci vivevano, scandendo le giornate con preghiera e lavoro: la biblioteca, con il pavimento ricoperto da mattonelle in ceramica di Vietri sul Mare, la Cappella, decorata con preziosi marmi ed i vari ambienti, adibiti alle innumerevoli attività produttive.La Certosa ospita il Museo archeologico provinciale della Lucania occidentale, una raccolta di reperti provenienti dagli scavi delle necropoli di Sala Consilina e di Padula, che vanno dalla preistoria all’età ellenistica.

Dettaglio Escursione

Escursione privata su richiesta.Si consiglia partenza alle 9:00 per far ritorno verso le 17.00. Costo a richiesta

Escursione Museo archeologico virtuale di Ercolano e Vesuvio

By Escursioni Comments Off

Escursione al MAV (Museo Archeologico Virtuale) in Ercolano e visita/trekking Vesuvio

MAV (Museo Archeologico Virtuale)

A pochi passi dagli scavi archeologici dell’antica Herculaneum sorge il MAV, un centro di cultura e di tecnologia applicata ai Beni Culturali e alla comunicazione, tra i più all’avanguardia in Italia.TAl suo interno si trova uno spazio museale unico e straordinario: un percorso virtuale e interattivo dove vivere l’emozione di un sorprendente viaggio a ritroso nel tempo fino a un attimo prima che l’eruzione pliniana del 79 d.C. distruggesse le città romane di Pompei ed Ercolano. Oltre settanta installazioni multimediali restituiscono vita e splendore alle principali aree archeologiche di Pompei, Ercolano, Baia, Stabia e Capri. Attraverso ricostruzioni scenografiche, interfacce visuali e ologrammi, il visitatore è condotto in una dimensione virtuale, dove sperimentare in modo ludico ed interattivo le nuove opportunità che la tecnologia multimediale offre alla fruizione del patrimonio archeologico.Il MAV è un luogo didattico e conoscitivo, dove il reale e l’immaginario si incontrano per dare vita a nuove modalità di apprendimento e di intrattenimento.

Il Vesuvio

Il Vulcano più famoso del mondo, alto circa 1281 m, ha alle spalle millenni di storia. E’ stato protagonista di molte opere letterarie, infatti gi� nell’antichità sia la letteratura greca che quella latina dedicarono una mole di scritti all’antico cratere. Il nome del Vulcano è associato al termine “cas” che significa “risplendere, bruciare” o ancora lo si ricollega al nome della Dea greca Vesta, divinità del fuoco e del focolare. Il monte era amato per le sue fertili terre, per le sue magnifiche tenute di campagna, per i suoi fenomeni geologici e soprattutto perchè zona residenziale di lusso dei patrizi romani. Secondo gli studiosi le popolazioni che vivevano alle falde del Vesuvio prima del I secolo a. C., erano del tutto inconsapevoli che tale vulcano fosse attivo e pericoloso a causa delle possibili violente eruzioni di lava, anche se alcuni letterati greci, primo tra tutti lo scrittore Strabone e poi Diodoro Siculo, nel I secolo a. C., avevano ben individuato il profondo nesso tra “il fiume di fuoco (lava) e Vesuvio”. I successivi intellettuali latini, Seneca, Sisenna, Plinio il Vecchio, Vitruvio, Virgilio, Columella, ecc, ignari che il gigantesco monte avesse un passato di sconvolgenti eruzioni lo stimarono come locus amoenus, ossia inizialmente lo apprezzarono per i suoi giardini, per la sua coltivazione orticola e per la sua notevole attività vinicola. Il noto poeta contemporaneo Giacomo Leopardi, definisce così il nostro Vulcano, ‘Sterminator Vesevo’ e ricorda che ‘questi campi cosparsi di ceneri infeconde, e ricoperti dell’impietrata lava, che sotto i passi al peregrin risona; [ ] fur liete ville e colti, e biondeggiar di spiche, e risonaro di muggito d’armenti; fur giardini e palagi, agli ozi de’ potenti gradito ospizio; e fur città famose che coi torrenti suoi l’altero monte dall’ignea bocca fulminando oppresse con gli abitanti insieme [ ] (La ginestra o il fiore del deserto, 1836)(Fonte Portanapoli.com)

Dettaglio Escursione

Escursione privata su richiesta .Partenza suggerita alle ore 8.30.Ritorno previsto per le ore 16:00 .Prezzo su richiesta.

Gusto Tour Il Cilento e le sue specialità gastronomiche

By Escursioni Comments Off

Gusto Tour: Il Cilento e le sue specialità gastronomiche

Spettacolare giornata trascorsa visitando realtà locali dedite alla lavorazione artigianale dei prodotti tipici del Cilento. Visiteremo fattorie Bio dove si produce la famosa mozzarella di bufala ,le quali con supporto di una Guida ci illustreranno tutte le fasi della produzione dell’Oro Bianco’,la storia e la tradizione accompagnandoci in un tour sensoriale con degustazione finale.Partiremo poi alla volta di una Casa Vinicola Cilentana visitando i loro vitigni ed assaggiando,accompagnati da salumi e formaggi tipici, la produzione di rossi ottenuti da diverse qualità di uve. Passeremo poi alla ‘Santomiele’ laboratorio artigianale per la lavorazione ed essiccazione dei fichi del Cilento,qualità Dottato, aromatizzati con spezie e odori mediterranei. Degustazioni accompagnati da Rosoli supportati dalla Guida che ci narrerà la storia,la tradizione di questi prodotti tipici del Cilento.

Dettaglio Escursione

Il Gusto Tour partirà da Castellabate verso le 9,30am e durerà circa 6 ore, compreso il tragitto di andata e ritorno.Costo su richiesta.

Escursione Positano by night…. Shopping & Cena!

By Escursioni Comments Off

Escursione a Positano

by Night…..Shopping e Cena

Frizzante escursione a Positano al tramonto tra i vicoli di questa famosa e trendy località di fama internazionale!Trascorreremo il tempo visitando i vari locali di intrattenimento,bar e ritrovi di tendenza soffermandoci tra i negozi che propongono la moda Positano famosa ed esportata in tutto il mondo,un misto di hippy-chic style caro a tante attrici famose Concluderemo la nostra visita serale seduti a cena su una fantastica terrazza ristorante dal panorama incantevole.

Dettaglio Escursione

Si consiglia una partenza alle 15.30 per questa escursione,privata, ed il ritorno è previsto a notte inoltrata(1am).Costo su richiesta

Escursione alla Napoli Storica

By Escursioni Comments Off

Escursione alla Napoli Storica

Visita Napoli con la nostra escursione guidata

Visita guidata a Napoli.In compagnia della nostra Guida visiteremo la Napoli storica,le sue chiese(Chiesa del Gesù Nuovo) la Cappella San Severo custode e dimora del Cristo Velato,Il monastero di Santa Chiara.Tra una visita e l’altra simpatico intermezzo in una tipica pizzeria Napoletana dove i Partecipanti a questa escursione si cimenteranno nella preparazione della pizza,infornata e mangiata sotto al supervisione dei Mastri pizzaioli napoletani,Si continuerà la visita con una bella passeggiata a Piazza Plebiscito e sosta caffè al famoso Caffè Gambrinus

Dettaglio Escursione

Escursione privata su richiesta.La partenza consigliata è alle 8am per poi fare ritorno verso le 19. Costo su richiesta

Escursione del Cilento:il sito archeologico di Velia-Elea e le grotte di Palinuro

By Escursioni Comments Off

Escursione del Cilento

Scopri il Cilento, goditi un escursione a Velia-Elea

L’antica città di Elea (Hyele) fu fondata da coloni greci provenienti da Focea come base di supporto nel Tirreno per gli intensi scambi commerciali che questi intrattenevano con le popolazioni italiche e i più lontani abitanti delle coste del Mar Egeo. Nel periodo di formazione delle colonie della Magna Grecia, Elea assunse le caratteristiche di una città autonoma ed in forte espansione, fino a raggiungere il grado di civiltà che avrebbe dato i natali ai filosofi Parmenide e Zenone. Fu sede di una prestigiosa scuola medica le cui tradizioni e conoscenze sono da molti considerate le radici della Scuola Medica Salernitana.

Le grotte marine di Palinuro (escursione in barca)

Le grotte di Capo Palinuro: uno dei fondali più belli del mediterraneo si aprirà davanti ai vostri occhi nel suo massimo splendore, tra grotte e anfratti che tempestano tutto il capo, sopra e sotto il livello del mare.Partendo dal porto alla volta dell’escursione, si visita la Grotta Azzurra, che è la cavità più estesa e più nota di tutto il complesso di grotte che ospita Capo Palinuro. La grotta si apre sul fianco settentrionale di punta della Quaglia, con una entrata triangolare alta 6 metri e larga 10. Essa deve il suo nome e il suo fascino allo spettacolare effetto prodotto dall’azzurro che, provenendo apparentemente dal fondale marino, illumina l’intero ambiente rendendolo irreale e suggestivo. Questo spettacolare effetto accade per merito della luce del sole proveniente da un sifone subacqueo che sbuca sul lato opposto di punta della Quaglia. Proseguendo il giro incontriamo la Grotta del Sangue. Come è facile intuire questa cavità deve il suo nome al “sinistro” colore delle pareti interne, caratterizzate da un’impressionante color rosso sangue rappreso che, riflettendosi sulla superficie marina, lascia intravedere nelle acque della grotta una sfumatura rossastra. Oltre la punta del Mammone, nella cosiddetta Cala Fetente, si trova la Grotta Sulfurea, massima espressione del fenomeno idrotermale di Capo Palinuro. Il suo fondale e le sue pareti sprigionano vapori di acido solfidrico che danno alla zona il caratteristico odore di zolfo. Continuando l’escursione incontriamo la Grotta dei Monaci: in questa grotta si vanno sviluppando delle particolari e curiose formazioni stalagmitiche che nel tempo hanno assunto nell’immaginario fantasioso delle persone le sembianze di altrettanti fraticelli avvolti nel saio. La Baia del Buondormire, antica e suggestiva dimora delle sirene, concluderà il nostro straordinario itinerario. Si tratta di una cala incastonata tra il mare e la parete rocciosa sovrastante, un luogo di indescrivibile bellezza e quiete nascosto tra gli anfratti di Capo Palinuro.

Dettaglio Escursione

Escursione privata e su richiesta.La partenza consigliata è alle 9.30 per far ritorno verso le 16:00. Costo su richiesta

Escursione Pompei Ravello ed Amalfi

By Escursioni Comments Off

Escursione Pompei Ravello ed Amalfi

Scopri le meraviglie della Campania in questa escursione in Costiera Amalfitana e Pompei

Le terrazze di Villa Rufolo e Cimbrone, dalle quali è possibile ammirare un panorama mozzafiato, incantarono Greta Garbo e Wagner, in onore del quale, ogni anno, si svolge il Festival Internazionale di Musica, che ha reso Ravello la città della musica in Costiera Amalfitana. Paese silenzioso e chic, fu un fiorente centro di attività commerciali già tra l’XI ed il XII secolo. È un terrazzo proteso sul mare nei Monti Lattari, dal quale si gode uno scenario di bellezze naturali unico al mondo. Dai suoi belvedere, in particolare quello dedicato alla Principessa del Piemonte, la Costiera Amalfitana si presenta in una visione di sogno. Circondato dalla natura smagliante, adagiato in suggestiva posizione su uno sperone roccioso che divide la valle del torrente Dragone da quella del torrente Reginna in uno dei punti di più ampia vista sul golfo, domina da un’altezza di 350 mt il mare azzurro della Costiera Amalfitana. Ravellese è il protagonista di una delle più belle novelle di Giovanni Boccaccio nel “Decamerone”: Landolfo Rufolo, nobile per nascita, pirata per scelta, naufrago per ventura e, infine, per abilità e buona sorte, felice proprietario di un immenso tesoro. Gli schizzi della Costiera Amalfitana che eseguì nel 1819 il grande pittore inglese William Turner sono esposti alla Tate Gallery di Londra. Tra i suoi tesori d’arte assumono un rilievo particolare il Duomo, fondato nel XII secolo; Villa Rufolo, le cui origini risalgono all’XI secolo, con le sue indescrivibili terrazze fiorite e sede del palco a picco sul mare del Festival, e Villa Cimbrone, famosa per il suo emozionante Belvedere, da cui si gode il più bel panorama del mondo; Piazza Fontana Moresca e, completano il quadro, il suggestivo intreccio di stradine, che emanano fascino e catturano i visitatori trasportandoli in un’altra dimensione, quella del sogno, accompagnati da musica anche all’alba, con il tradizionale concerto.(fonte ravello.it) .

Dettaglio Escursione

Partenza da Castellabate alle ore 8am per raggiungere gli Scavi di Pompei.Visita degli scavi (circa due ore) ; proseguiremo per Ravello atraversando i Monti Lattari in uno scenario fantastico con panorami mozzafiato.Sosta per pranzo(facoltativa ) e visita libera di Ravello.Proseguiremo per Amalfi per una breve visita al Duomo e a questa ridente cittadina della Costiera Amalfitana.Rientro via costa (favolosa!) ed arrivo a Castellabate alle ore 19,00 circa.Costo su richiesta

Escursione a Paestum: I Templi Greco Romani

By Escursioni Comments Off

Escursione a Paestum

Visita ai Templi Greco Romani

Fondata dai greci intorno al 600 a.E.V., si chiamava inizialmente Poseidonia, da Poseidone, o Nettuno, dio del mare, al quale la città era stata dedicata. Tra il 400 e il 273  fu occupata dalla popolazione italica dei lucani. Nel 273 divenne colonia romana col nome di Paestum. Ma è indubbio che la fondazione della città fosse preceduta dall’impianto di una fattoria commerciale sulla sponda sinistra e presso la foce del fiume Silaros e che le condizioni malariche del terreno indussero poi i primitivi coloni a spostare il centro abitato verso oriente, su un banco calcareo leggermente rialzato sulla pianura e sul litorale, lungo il corso di un’altro fiume minore (fiume Salso o Capofiume). Dall’impianto primitivo sul Silaros sviluppò il porto marittimo e fluviale della città e presso di esso sorse il Tempio di Era Argiva, che diventò presto uno dei più grandi e venerati santuari dell’Italia antica: circa 50 stadi separavano la città dallo Heraion e dal suo emporio sul fiume.
La fine dell’Impero Romano coincise grosso modo con la fine della città. Verso il 500 E.V., infatti, in seguito ad un’epidemia di malaria, aggravata dall’insalubrità del territorio, gli abitanti gradualmente abbandonarono la città. La riscoperta di Paestum risale al 1762, data in cui venne costruita la strada moderna che l’attraversa tuttora.

Dettaglio Escursione

Escursione di mezza giornata,orario di partenza a discrezione del Cliente.paestum dista giusto 25 minuti da Castellabate.La visita con il supporto di una Guida(Opzionale) dura all’incirca due ore.Costo su richiesta

Costiera Amalfitana

By Escursioni Comments Off

La Costiera Amalfitana ,patrimonio culturale e mondiale appartenente all’UNESCO. La Costiera Amalfitana e’ stata abitata sin dalla notte dei tempi, vari siti dai resti preistorici testimoniano cio’, anche se nel periodo preistorico dell’avvento dell’agricoltura la Costiera era quasi o totalmente disabitata, successivamente come civilta’ importanti sono stati per primi gli Etruschi a Vietri sul Mare e poi gli Antichi Greci. Il massimo splendore della Costiera si e’ avuto in epoca dell’antica Roma dove in varie localita’ i patrizi romani decidevano di stabilire la loro residenza, cosicche’ numerose ville sono sparse un po’ in tutta la Costiera; successivamente un secondo periodo di importanza storica si e’ avuto con la Repubblica di Amalfi, Repubblica Marinara assieme a Pisa, Genova e Venezia, storia che tuttora viene rivissuta ogni anno con una famosa Regata, storica manifestazione folkloristica famosa in tutto il mondo.La ‘Divina Costiera’ e’ una delle localita’ turistiche piu’ ambite del mondo, basta citare Positano, Amalfi, Ravello, luoghi dalle superbe bellezze paesaggistiche, oltre che scrigni colmi di storia, I paesi della Costiera Amalfitana sono meta otre che di turisti, anche di artisti, sia di persone in cerca di mare sole e pace che di giovani alla ricerca di divertimento e vita notturna.

Dettaglio Escursione

La partenza per l’escursione in Costiera e’ alle 8am e dura circa 10 ore ,compreso il tragitto.La prima sosta e’ prevista a Vietri sul Mare presso un laboratorio di ceramiche lavorate in modo artigianale e finemente decorate in stile vietrese, famoso in tutto il mondo.Si proseguirà’ alla volta di Amalfi dove si avrà’ tempo a disposizione per visitare il Duomo e il centro storico di questa famosa cittadina affacciata sul mare.Si ripartirà’ alla volta di Positano dove ,a richiesta dei Partecipanti ci fermeremo per il pranzo presso ristorante di nostra fiducia,visita di questo famoso borgo marinaro e meta di turismo d’élite internazionale.Si ripartira’ verso le 16.30 per far ritorno a Castellabate.Costo su richiesta.